Il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) è lo strumento attraverso il quale il cittadino può tracciare e consultare tutta la storia della propria vita sanitaria, condividendola con i professionisti sanitari per garantire un servizio più efficace ed efficiente. Per attivare il proprio Fascicolo bisogna consultare le modalità adottate dalle singole regioni/province autonome, maggiori informazioni si trovano nella pagina dedicata ai Fascicoli regionali.

Monitoraggi e Cruscotto FSE

Monitoraggio e Cruscotto FSE

Tutte le informazioni dettagliate sono consultabili nella relativa sezione del monitoraggio

Sezione Notizie

PagaOnline, alla Asl di Viterbo le prestazioni sanitarie si possono pagare anche via web

Il servizio della Regione Lazio, attivo da domani, consente ai cittadini di scegliere tra tutti i principali sistemi di pagamento.

Da domani, martedì 18 luglio, i cittadini residenti nella provincia di Viterbo possono effettuare i pagamenti delle prestazioni sanitarie prenotate tramite il ReCUP anche via web, utilizzando il portale della Regione Lazio “PagaOnline” e accedendo al link https://pagaonline.regione.lazio.it.

Il servizio regionale attivato dalla Asl di Viterbo si interfaccia con la piattaforma tecnologica Pago PA, messa a disposizione dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AGID). Il pagamento elettronico delle prestazioni sanitarie, erogate sia dal Servizio sanitario nazionale, sia in regime di Attività libero professionale intramoenia (ALPI), può essere effettuato indistintamente con carte di credito e carte di debito (carte ricaricabili), con bonifico bancario o con tutti gli altri sistemi messi a disposizione dal nodo nazionale dei pagamenti in base alla modalità che più conviene al cittadino.

Per pagare elettronicamente la prestazione sanitaria basta collegarsi al portale PagaOnline e inserire il codice fiscale dell’intestatario e il codice di pagamento (IUV) di 15 cifre associato alla prestazione stessa, che viene rilasciato all’atto della prenotazione dal centro unico di prenotazione regionale (ReCUP). Con queste due informazioni si può individuare la posizione debitoria e predisporre il pagamento.

Al termine della transazione, il sistema invierà una mail alla casella di posta elettronica indicata dall’utente che conterrà il link dove sarà possibile scaricare la quietanza di pagamento.

(continua)

Online la nuova versione del sito dedicato al Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE)

Più sezioni informative dedicate a cittadini e operatori sanitari e nuovo design per il sito del Fascicolo Sanitario Elettronico.
Nuova veste grafica e riorganizzazione dei contenuti per il sito dedicato al fascicolo sanitario del cittadino.
Da oggi all’indirizzo fascicolosanitarioelettronico.gov.it  è possibile trovare indicazioni finalizzate ad agevolare la corretta implementazione dei progetti regionali del FSE da parte delle amministrazioni interessate e le linee guida di riferimento. 
Dal sito, inoltre, i referenti tecnici regionali potranno accedere ad un'area riservata destinata all'aggiornamento dei dati che alimentano il monitoraggio e ad una sezione relativa ai sistemi di codifica previsti dalla norma. In quest'ultima, i referenti possono reperire informazioni, ricercare codici e ricevere supporto ai fini del corretto utilizzo degli stessi per la compilazione dei documenti sanitari.

(continua)

Piano Triennale: approvata la strategia all’unisono per la trasformazione digitale

Il Piano Triennale per l’Informatica nella Pubblica amministrazione 2017–2019 è il documento indirizzo strategico ed economico con cui -per la prima volta- si definisce il modello di riferimento per lo sviluppo dell’informatica pubblica italiana e la strategia operativa di trasformazione digitale del Paese.

Approvato dal Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni, il Piano - realizzato da AgID e dal Team per la Trasformazione Digitale- coordina le attività dei 4,6 mld circa che provengono da finanziamenti nazionali e comunitari, stanziati per il raggiungimento degli obiettivi fissati dalla strategia Crescita Digitale rispetto alla riqualificazione della spesa ICT.   

In linea con la Legge di stabilità 2016, il Piano dà il via al percorso di accompagnamento che consentirà a livello nazionale di adeguarsi all’obiettivo di risparmio del 50% della spesa annuale per la gestione corrente del settore informatico. L'obiettivo da raggiungere alla fine del triennio 2016-2018, destinando i fondi in investimenti per innovazione e sviluppo. 
Le indicazioni rappresentano inoltre, per il mercato, un quadro di riferimento in materia ICT.

L’Agenzia ha il compito di guidare le amministrazioni nella fase di adeguamento alle indicazioni contenute nel Piano. La versione approvata definisce e guida le attività per il 2018. Entro il mese di settembre di ogni anno verrà pubblicata la versione aggiornata - in maniera collaborativa- del Piano, al fine di indirizzare le azioni per l’anno successivo. 

Grazie all’avvio del lavoro di coordinamento delle amministrazioni - per il quale AgID ha strutturato un team dedicato - e all’utilizzo degli strumenti di condivisione e collaborazione(link is external) (Github(link is external)ReadTheDocs(link is external)Discourse(link is external)), a partire dai prossimi mesi si delineerà un modello di collaborazione con i soggetti interessati sempre più capillare ed  inclusivo.

Il Piano è online sul sito pianotriennale-ict.italia.it(link is external) dove è possibile consultare le FAQ(link is external) e partecipare alla discussione sul forum.

Il comunicato stampa AgID

(continua)